Festa solstizio d'estate

Festa delle Acque 2018, il programma

Dal 30 giugno all'8 luglio 2018 la nuova edizione della Festa del Solstizio d'estate sulle sponde del lago di Piediluco (Terni, Umbria del Sud). Sfilata delle barche allegoriche, enogastronomia, mostre, teatro...

Il solstizio d'estate si sta avvicinando e il borgo e lago di Piediluco (Terni, Umbria) sono in fermento per la Festa delle Acque 2018, che si svolgerà dal 30 giugno all'8 luglio.

Programma Festa delle Acque di Piediluco 2018

Una vera kermesse, una vera festa popolare e raffinata all'insieme, quella che prenderà il via il prossimo 30 giugno, alle 22:30, quando usciranno dalle case piedilucane una serie di personaggi medievali che trasformeranno l'atmosfera del borgo in Quadri Storici di vita cittadina. Ma appena dopo, vi sarà il primo evento, quello dell'accensione del Falò del Solstizio, anche se la data è passata di qualche giorno.
La novità di questa edizione sarà che, insieme alla sfilata delle Barche Storiche, sabato 7 luglio a partire dalle ore 21:30, ci sarà anche quella delle Barche Luminose. Al loro termine, 23:00 circa, il suggestivo e consueto spettacolo pirotecnico sul lago di Piediluco: le scie luminose vengono riflettute dall'acqua, creando uno scenario incomparabile.

La Festa delle Acque 2018 è anche popolare e gastronomica: per questo Il chiosco sul lago funzionerà ininterrottamente per tutta la durata della manifestazione dalle 19:00 sino a mezzanotte, per offrire carne alla brace e moltissimi altri piatti, da innaffiare con sofisticate birre artigianali.
Inoltre, nei due fine settimana dell'evento (30 giugno - primo luglio e 6, 7 e 8 luglio) a partire dalle ore 18:30 e fino alle 01:00 Street Food in Riva al Lago, con truck provenienti da tutto lo stivale.

Ma non solo cibo, anche sport alla Festa delle Acque 2018 di Piediluco e per la precisione running, con la 5a edizione della Corrilago con Avis, corsa non competitiva da 10,5 o 6 km, organizzata dalla sezione di Terni, il primo luglio 2018 con partenza alle 08:30. C'è anche il tempo, domenica 8 luglio, per altri giochi, i Giochi sul Lago, come l'Albero al Lago: «i concorrenti dovranno abilmente percorrere un tronco d'albero scortecciato e insaponato, o sfidarsi al Tiro alla Fune: le squadre disposte su due pontili distanti tra loro». E più popolare di così! Dalle 16:00 alle 18:00 al centro Nautico P. D'Aloja.

Ultimo, ma non ultimo, per la Festa delle Acque 2018 sono stati programmati concerti, spettacoli itineranti, cori di bambini, rappresentazioni storiche, e molto altro, che coinvolgeranno decine di artisti.
Per quanto riguarda la musica, si segnalano Lucilla Galeazzi con i suo canti popolari presso la scalinata della chiesa di San Francesco, primo luglio a partire dalle ore 19:00. Il concerto - spettacolo degli Altoforno, storica band ternana che si esibirà dalle ore 21:00 il 6 luglio 2018 presso il palco centrale, posizionato sulla Terrazza Miralago. E il concerto di chiusura della kermesse, la Clito Band salirà sul palco centrale domenica 7 luglio ore 22:00.
Per quanto riguarda le rievocazioni, martedì 3 luglio I Vicoli Ricordano, in collaborazione con la Pro Loco di Ferentillo a partire dalle 19:00; la Rievocazione dei Pescatori Piedilucani, quelli che conoscono ogni intima essenza del loro lago, si terrà l'8 luglio alla stessa ora.

Per maggiori informazioni sulla Festa delle Acque di Piediluco e il programma completo vi consigliamo di consultare il sito e la pagina Facebook ufficiale della locale Pro Loco.

La notte del solstizio d'estate sul lago di Piediluco: storia e curiosità

Festa antica e moderna all'insieme: ecco la Festa delle Acque di Piediluco che celebra, tra la fine di giugno e l'8 luglio, sì il lago ma anche l'estate, la bella stagione. Viene da lontano la festa fatta di barche illuminate, di "carbonaretti", di balli e luminarie, di vino bianco, di fuochi artificiali a pelo d'acqua, perché il "suo" giorno era quello del solstizio d'estate, da sempre, quando la luce era più lunga e vinceva la notte. Era anche un momento per alimentare le suggestioni, le superstizioni degli abitanti che si aspettavano dall'estate e dalle divinità che'l’accompagnavano, cristiane e pagane, la possibilità di un anno tranquillo e sereno. Non a caso le barche erano chiamate "sacre": ognuna di loro doveva rappresentare un legame verso il soprannaturale. C'è anche una leggenda che parla di un saggio, Lucus, della ninfa Marmora e dei loro 4 figli. Una storia davvero avvincente ma, per l'appunto, è una storia, bella da sentire raccontata in quella serata, davanti ad un piatto di "carbonaretti".

L'aspetto della festa odierna è un po', molto, diverso e seppur risente di moltissimi riflessi antichi; oggi vuole essere il folclore e la spensieratezza di una notte durante la quale dedicarsi ad un posto magico sempre troppo dimenticato a ben vedere, un gioiello della natura, intonso: le sponde del lago che si riempiono di visitatori, le barche illuminate, le sponde buie ed incombenti sono gli elementi delle Festa delle Acque di Piediluco, della sua anima, della tradizione che proprio per questo è arrivata sino ai giorni nostri.

Vuoi lasciare un commento?

Compila i campi per lasciare un commento. Il commento verrà pubblicato dopo l’approvazione del moderatore.